GIANNI TROVALUSCI

Il workshop LAP è aperto a tutti coloro, musicisti, cantanti, attori, sperimentatori vocali, performers che vogliono avvicinarsi allo studio creativo delle relazioni profonde tra Improvvisazione – Composizione Istantanea – Alea.
Nel corso del laboratorio si indagheranno le relazioni tra i tre elementi – Suono Segno Spazio – attraverso lo stimolo di due opere, partiture grafiche, di due grandi maestri: Christian Wolff e Walter Branchi.
Christian Wolf è l’unico autore ancora vivo del favoloso gruppo della New York School, che comprendeva Earle Brown, Morton Feldmann e John Cage. Il suo brano Edges è una partitura grafica, con segni non specificamente musicali – indicati in una legenda – inseriti nello spazio bianco della pagina, in cui al performer è lasciata amplissima libertà di interpretazione, ma con la suggestione di indagare i percorsi – non scritti né indicati – che portano da un segno all’altro, da una zona dello spazio all’altra. Wolff indica Edges come la sua composizione più complessa da interpretare, proprio per la costruzione istantanea di questi processi di mutazione
Walter Branchi è un compositore romano, tra i fondatori del mitico Gruppo di Improvvisazione Nuova Consonanza, del quale verrà interpretato Looking South-West, una partitura grafica in cui le note sono inserite in figure geometriche disposte in modo preciso nello spazio; per la sua natura visiva l’opera ben si presta a indagare contenuti spaziali e musicali nel rapporto spazio/tempo.
Sarà proprio il contatto vivo con i particolari processi di produzione e interpretazione che rientrano nell’ambito dell’Alea – composizioni in cui vengono indicati in via preliminare comportamenti specifici e che al tempo stesso richiedono da parte del performer una serie di scelte interpretative da effettuare in tempo reale, rendendo unico e irripetibile il momento della performance – che condurrà i partecipanti a sperimentare e sperimentarsi.
LAP è incentrato, attraverso il lavoro con tecniche attive di composizione istantanea e lo sviluppo del rapporto con le due rigorose partiture, sulla ricerca dell’espressione profonda e sul ri-conoscimento della propria motivazione interiore come un unicum che si incontra, si fonde con l’altro e cresce nella dialettica tra comportamenti predefiniti e decisioni performative aperte e libere.
Magia dell’Alea – come riscoperta e nutrimento del senso della forma/contenuto, come opportunità concreta di costruzione della propria direzione nel momento di studio, pratica e performance – che sempre presuppone e comporta la capacità di ascolto profondo, l’interazione con l’altro, l’immediato piacere di compiere una scelta, la responsabilità di indicare una direzione, l’umiltà di tirarsi indietro, la bellezza di agire sfrenatamente.
Obiettivo di LAP – il cui significato è grembo in inglese ed esprime un’idea gestatoria che ben conosce chi sviluppa processi creativi – è ristabilire la centralità della comunicazione tra i musicisti, che in quel luogo e in quel momento si ritrovano a ri-comporre l’opera. Concetti costitutivi e sostanziali del fare Arte, come ricerca e sperimentazione, consapevolezza e superamento del limite, etica dei rapporti, sviluppo dell’empatia e del contesto relazionale tornano così a essere requisiti ed elementi essenziali dell’azione artistica, in questo modo capace di creare nel momento della performance quel circolo virtuoso tra musicisti e pubblico alla base di qualsiasi comunicazione umana e artistica.

  • Corso

    LAP - Laboratorio Arte Performativa
    Uno studio su Suono Segno Spazio
  • Dipartimento

    Conducting, Composition & Theory
  • Date

    24/28 luglio 2022
  • Modalità

    In presenza
  • Limiti

    12 allievi
  • Quota frequenza

    € 150,00

Curriculum

Diplomato in flauto presso il Conservatorio “Santa Cecilia”, si è perfezionato nel repertorio contemporaneo a Parigi e in PrassiEsecutiva della Musica Barocca alla Schola Cantorum di Basilea. Ha inoltre frequentato il Corso di Nuova Didattica della Composizione con Giancarlo Bizzi presso il Conservatorio dell’Aquila “A. Casella”.
E’ stato invitato in importanti festival e rassegne, tra cui: Istituzione Universitaria dei Concerti Roma, Musicacustica Pechino, Ravenna Festival, Tectonics Festival/BBC Scottish Symphony Orchestra Glasgow, De Young Museum San Francisco, Estonian Music Days Tallinn, Italian Spring Danzica, AngelicA Festival/Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, Area Sismica Forlì, Curva Minore Palermo, Haus der Musik Stoccarda, New Horizon Concert Series Chapman University Los Angeles, Teatru Manoel Malta, NYCEMF –New York City Electroacoustic Music Festival ed. 2015 e 2018, Udine Jazz Festival, EMUFest Conservatorio “Santa Cecilia” Roma, REC Festival Aperto Reggio Emilia, British Film Institute – Londra, Opera di Nancy,
Kettle’s Yard – Cambridge, Fondazione Scelsi – Roma, Festival Nuova Consonanza –Roma, Orchestra dell’Opera delle Fiandre, Ars Electronica – BrucknerHaus Linz, Neue Alte Musik Colonia, M.A.N.C.A. Opera di Nizza, Biennale di Monaco, Opera di Strasburgo, New York University, Massey College -Toronto University, Festival di Musica Elettronica Italiana -Centro Reina Sofia Madrid, Goteborg Art Sound Festival, CCA (Centro per le arti
contemporanee) Glasgow, Stockholm New Music Stoccolma, Nits de Musica Fondazione Mirò di Barcellona, Festival Internazionale di Poesia Genova, MilanoOltre, AterForum -Ferrara, Autunno Musicale a Como, Festival Arte e Scienza CRM Roma, Musica Verticale – Galleria Nazionale di Arte Moderna Roma, Deutsche Akademie -Villa Massimo Roma, Accademia Americana Roma, Accademia di Francia -Villa Medici Roma, etc.
Il compositore e direttore Marcello Panni lo ha chiamato per numerose prime esecuzioni delle sue musiche e per l’invito come solista nel febbraio 2020 in Hyperion di Bruno Maderna con l’Istituzione Sinfonica Abruzzese.

Il caposcuola del Free Jazz Roscoe Mitchell –fondatore del mitico Art Ensemble of Chicago -lo ha invitato come solista per la prima mondiale di Frenzy House per improvvisatore e grande orchestra a Glasgow con BBC Scottish Symphony Orchestra nel maggio 2017.
Assieme al compositore Giorgio Battistelli ha realizzato numerose prime esecuzioni in Europa -Anarca per percussioni, flauto e grande orchestra, Kepler’s Traum per 3 cantanti, un attore, flauto elettronico e grande ensemble, Aphrodite per voce recitante, flauto, arpa e percussioni, Globe Theatre per due flauti, liuto, tiorba, vla da gamba e percussioni, Il Canto del Drago per voce recitante, flauto, percussioni.
E’ interprete delle musiche, tra le quali molte composte per lui, di Nicoletta Andreuccetti, Guido Baggiani, Bruno Battisti D’Amario, Laura Bianchini, Walter Branchi, Aldo Brizzi Luigi Ceccarelli, Alessandro Cipriani, Maria Cristina De Amicis, Agostino Di Scipio, Luigi Esposito,Sandra Gonzalez, Hubert Howe, Johanna Kivimagi, Silvia Lanzalone, Orlando Legname, Einike Leppik, Maggie Menje Qi, Michelangelo Lupone, Giorgio Nottoli, Nicola Sani, Marcello Panni, Simone Pappalardo, Pietro Pirelli, Walter Prati, Paolo Rotili, Dominique Schafer, Ruben Zahra, Lidia Zielenska, etc.
Sviluppa progetti sulla musica Aleatoria e su partiture grafiche, proponendo musiche rare e preziose di Walter Branchi, AlvinCurran, Franco Evangelisti, Domenico Guaccero, Sylvano Bussotti, John Cage, Christian Wolff etc.
Ha lavorato con direttori come Ilan Volkov, Marcello Panni, Luca Pfaff, Marco Angius, Tonino Battista, Steed Cowart e collaborato con numerosi musicisti, artisti, poeti, scrittori, attori tra i quali Roscoe Mitchell, Thomas Buckner, Hamid Drake, Ken Vandemark, Evan Parker, John Tilbury, Vinicio Marchioni, Gabriella Bartolomei, David Ryan, Ian Mitchell, Virgilio Sieni, Dagmar Krause, Tim Hodgkinson, Silvia Schiavoni, Giancarlo Schiaffini, Anna Clementi, Fabrizio Ottaviucci, Michele Rabbia, Daniele Roccato, Gianluca Ruggeri, Antonio Caggiano, Rodolfo Rossi (Ars Ludi),Roberto Bellatalla, Alvise Vidolin, , Paolo Rosa e Fabio Cirifino (Studio Azzurro), Edoardo Albinati, Mauro Covacich, Predrag Matvejevic, GiorgioCaproni, etc.
Ha tenuto masterclass, laboratori, lezioni e conferenze sul flauto e la Musica d’Oggi, Aleatoria e d’Improvvisazione -presso numerosi Conservatori italiani, Palaexpo Mattatoio e Accademia di Belle Arti di Roma, China Conservatory di Pechino, Mills College, San Francisco Conservatory e Chapman University (California), Estonian Academy of Music and Drama di Tallinn.
Ha registrato per Wide Hive Records, Auditorium Edizioni, Rai Radio 3, Radio Vaticana, Radio Svizzera Italiana, BBC 3, Radio Nazionale Svedese, West Deutscher Rundfunk, Sud West Rundfunk.

Potresti essere interessato in …

X